L'evento della Settimana della Moda di Londra ibrido fa sensazione, nonostante le dimensioni più piccole

11 Giugno 2024 3034
Share Tweet

La puntata di giugno della London Fashion Week si è conclusa domenica e, sebbene non sia stata un'edizione molto convenzionale con relativamente poche sfilate, ha comunque suscitato scalpore come evento culturale e ha avuto un impatto sui social media.

La sfilata pre-evento di Craig Green ci ha ricordato l'imminente settimana della moda e le sfilate di designer come Charles Jeffrey Loverboy e Qasimi, sempre accattivanti, sono state sufficienti per attirare le luci della telecamera.

La mostra di Charles Jeffrey alla Somerset House (che ospita il suo studio e ospita anche una retrospettiva su Loverboy) è stata un vero e proprio “evento”, soprattutto considerando che era a Milano che ospitava le sue sfilate da alcune stagioni. Il decimo anniversario dell'etichetta è stato celebrato con un'esibizione di Beth Ditto e un coro, insieme a un cast composto da amici dell'etichetta. Erano presenti celebrità e modelle come Tilda Swinton, Erin O'Connor, Beth Ditto, Katy England, Bobby Gillespie e M Huncho. Un'affluenza davvero impressionante per una settimana della moda che, secondo alcuni, non avrebbe avuto molto impatto.

Per quanto riguarda la collezione stessa, denominata "10", è stata descritta come "una pietra miliare visiva e materiale nella storia di Loverboy, una meditazione su temi duraturi". La collezione fa anche riferimento al passato del marchio attraverso l'evoluzione dell'iconico berretto con orecchie e dei suoi modelli ispirati a Warhol. motivo di banane.

Allo stesso tempo, la collezione SS25 di Qasimi ha segnato un ritorno sulla passerella. Diretto da Hoor Al Qasimi dal 2020, questo è stato il primo spettacolo dal vivo sotto la sua direzione creativa. Con il suo background artistico, è stata una collaborazione ponderata con l'artista Kambui Olujimi, dove la collezione fondeva arte, scultura e moda, approfondendo temi di identità, storia e sociopolitica.

Un altro punto forte della LFW è stata una serie di tavole rotonde e altri eventi durati tre giorni, descritti come una “celebrazione dell’abbigliamento maschile britannico e delle diverse culture”. Il tutto è iniziato venerdì con David Beckham, mentre Caroline Rush, capo del British Fashion Council, ha riconosciuto le sfide affrontate dal settore della moda.

Ha sottolineato l’importanza della “settimana” della moda di giugno, affermando: “Londra è sempre stata la settimana della moda più innovativa e creativa. Questa non è una normale settimana della moda. Volevamo creare un momento culturale…”

L’evento di apertura ha mostrato le stanze dell’ICA che rispecchiavano i tre temi più ampi della settimana della moda (cultura nera, cultura dell’Asia meridionale e cultura queer). Questi temi sono stati curati dall'emittente televisiva Clara Amfo, dal creatore di contenuti Simran Randhawa e dal modello Kai-Isaiah Jamal. In primo piano c'erano abiti di designer come Nicholas Daley, Labrum London e Ahluwalia.

Il successo dell'evento si è riflesso sui social media, con Dash Hudson che ha dimostrato che l'approccio innovativo del BFC ha aumentato significativamente il coinvolgimento del pubblico su Instagram. Ha indicato un alto livello di interazione tra i marchi e il loro pubblico.

Il tasso di coinvolgimento sui social media per l’industria del lusso durante questo periodo è stato di circa lo 0,19%. Eppure Harri aveva un impressionante tasso di coinvolgimento del 2,47%, ovvero del 1.200% superiore alla media del settore. Nel frattempo, i marchi con la maggiore crescita di follower su Instagram durante la LFW includevano Harri e Charles Jeffrey Loverboy, ciascuno andando significativamente al di sopra della media.

Le persone con i migliori post su Instagram in base al tasso di coinvolgimento includevano Harri, Alexander Roth e Marie Lueder.


ARTICOLI CORRELATI