La generazione X ha tassi di cancro più alti rispetto ai loro genitori baby boomer

11 Giugno 2024 2103
Share Tweet

La Generazione X sta superando i baby boomer, ma non in modo positivo.

Pro capite, la Generazione X (nati tra il 1965 e il 1980) sta avendo più casi di cancro rispetto alle generazioni dei loro genitori e nonni, secondo un rapporto dei ricercatori pubblicato il 10 giugno su JAMA Network Open.

Le previsioni non sembrano buone per la Generazione X, che sta iniziando a raggiungere l'età in cui i tumori si manifestano di solito, dice Philip Rosenberg, un biostatistico dell'Istituto Nazionale del Cancro degli Stati Uniti a Rockville, in Maryland. Se il trend continua, anche i millennials (nati dal 1981 al 1996) e le generazioni più giovani potrebbero sperimentare un aumento dei casi di cancro, avvertono Rosenberg e il suo collega dell'NCI Adalberto Miranda-Filho.

Rosenberg, che si auto-definisce un boomer, ha voluto vedere se la sua generazione (nati dal 1946 al 1964) stava meglio rispetto alle generazioni dei suoi genitori, la Greatest (1908–1927) e la Silent (1928–1945). E se i suoi figli millennial (1981–1996) e della Generazione Z (1997–2012) potrebbero stare ancora meglio.

"Speri di vedere miglioramenti in termini di indicatori di salute, aspettativa di vita [e] tassi di cancro," dice. "Speri di vedere tutti questi aspetti migliorare."

Rosenberg e Miranda-Filho hanno raccolto dati da 3,8 milioni di persone a cui è stato diagnosticato un cancro invasivo. I ricercatori hanno confrontato le differenze generazionali nelle diagnosi di cancro in diversi siti del corpo, e hanno previsto il tasso di cancro per la Generazione X all'età di 60 anni. La Generazione X è ora abbastanza vecchia da sviluppare tumori, quindi i ricercatori hanno potuto rilevare trend per loro. Poiché i millennials non sono ancora abbastanza vecchi da sviluppare molti tumori, il team non ha potuto fare stime per quella generazione.

Le previsioni non erano ciò che Rosenberg sperava. Rispetto ai baby boomer, le donne della Generazione X avevano aumenti previsti di cancro alla tiroide, ai reni, al retto, all'utero, al colon, al pancreas e alle ovaie, così come linfoma non-Hodgkin e leucemia. Gli uomini della Generazione X hanno previsto aumenti di cancro alla tiroide, ai reni, al retto, al colon e alla prostata. Lo studio esamina quanto spesso le persone vengono diagnosticate con cancro, non se ne muoiono.

Ci sono stati anche dei punti positivi. Le donne della Generazione X hanno avuto diminuzioni di tumori al polmone e al collo dell'utero rispetto ai baby boomer, mentre gli uomini della Generazione X hanno avuto meno tumori al polmone, al fegato e alla cistifellea e linfoma non-Hodgkin.

Ma quando si combinano tutti i tumori, il quadro era triste perché i "tumori in aumento numericamente hanno superato i tumori in calo", hanno scoperto i ricercatori.

La Generazione X viene diagnosticata con più tumori rispetto alle generazioni precedenti negli Stati Uniti. I ricercatori hanno raggruppato 20 tumori principali per le donne (linee gialle) e 18 per gli uomini (linee blu) per prevedere i trend nei tassi complessivi di cancro all'età di 60 anni. (Poiché i membri più anziani della Generazione X stanno solo raggiungendo i 60 anni, le aree ombreggiate indicano intervallo possibile dove il tasso di incidenza potrebbe finire, sebbene la linea continua sia la proiezione più probabile.) I grafici illustrano le diagnosi di cancro per persona-anno (p-y), ovvero quanto spesso ci si aspetta una diagnosi di cancro se si osservano 100.000 persone per un anno.

Tra gli uomini, la diagnosi di cancro è diminuita nelle generazioni Greatest e Silent, ma poi è risalita nei Boomers e continua a salire nella Generazione X. Gli uomini asiatici e del Pacifico sono l'eccezione. I loro tassi di cancro hanno continuato a diminuire nella Generazione X. Le donne tendevano ad avere meno tumori rispetto agli uomini nelle prime generazioni, ma le differenze sono state per lo più cancellate, ad eccezione della popolazione nera non ispanica, dove gli uomini ottengono ancora più spesso il cancro.

Le donne ispaniche hanno avuto uno degli aumenti più grandi, un aumento del 35%. Sono passate da 598 tumori diagnosticati ogni 100.000 anni-persona nelle generazioni Silent e boomer (nati dal 1936 al 1960) a 806 diagnosi ogni 100.000 anni-persona nella Generazione X. Quel tasso rappresenta il numero di nuove diagnosi di cancro che ci si aspetta se si osservano 100.000 persone per un anno.

Tutti i gruppi razziali ed etnici inclusi nello studio hanno sperimentato aumenti delle diagnosi di cancro, tranne gli uomini asiatici e del Pacifico, per i quali i tassi di cancro sono scesi da 562 tumori diagnosticati ogni 100.000 anni-persona all'età di 60 anni nella generazione Silent e boomer a 519 tumori ogni 100.000 anni-persona per la Generazione X, una diminuzione dell'8,2%. Gli uomini neri non ispanici della Generazione X avevano il tasso combinato più alto di cancro, con 1.561 casi ogni 100.000 anni-persona. Questo è un aumento di circa il 12% rispetto alle 1.399 diagnosi di cancro ogni 100.000 anni-persona nelle generazioni boomer e Silent.

Gli aumenti di molti tumori, tra cui i tumori colorettali nelle persone sotto i 50 anni, e i picchi di tumori ai reni e alla tiroide sono già stati notati, afferma l'epidemiologo del cancro Ahmedin Jemal della American Cancer Society di Atlanta. E l'aumento non è limitato agli Stati Uniti. Altri paesi ad alto reddito hanno segnalato aumenti simili.

L’aumento del cancro nella generazione X “è come una bandiera gialla”, afferma Rosenberg. “Questi numeri suggeriscono che ci sono alcune traiettorie sfavorevoli”. Spera che altri ricercatori utilizzino i dati per scoprire cosa sta determinando tali aumenti e trovare modi per invertire le tendenze.

I ricercatori stanno appena iniziando a raccogliere dati sulla generazione X e sul cancro man mano che le persone di quella generazione raggiungono la mezza età, afferma Corinne Joshu, epidemiologa del cancro presso la Johns Hopkins Bloomberg School of Public Health.

Parte dell’aumento potrebbe essere dovuto a un migliore screening e a una diagnosi precoce, afferma Joshu. "A volte è difficile dire quanto di questo sia legato ai cambiamenti nella rilevazione e ai cambiamenti nella semplice consapevolezza clinica di cercare qualcosa, rispetto a un vero aumento." Alcuni tumori alla prostata possono essere pericolosi, ma molti hanno una crescita così lenta da non causare problemi di salute, quindi ci sono preoccupazioni riguardo alla sovradiagnosi di tali tumori, dice.

Molti dei tumori in aumento tra la Generazione X sono legati all’obesità, alla mancanza di esercizio fisico, al consumo eccessivo di carne rossa e ad altri fattori legati allo stile di vita. Ma cambiare la situazione non è facile, dice Joshu. “Le scelte salutari non sono le scelte facili da fare nella nostra società”.

Lei e Jemal affermano che il calo del cancro ai polmoni è avvenuto a causa di cambiamenti politici a più livelli che vietavano il fumo in casa e di tasse che rendevano le sigarette troppo costose per le persone che più probabilmente avrebbero iniziato a fumare da adolescenti. I vaccini contro il papillomavirus umano (HPV) e altre misure di sanità pubblica sono stati determinanti nella riduzione del cancro cervicale (SN: 28/4/17).

Ma eliminare qualcosa che non fa bene alla salute potrebbe essere più semplice che rendere accessibili e alla portata di tutti cambiamenti positivi nello stile di vita, afferma Joshu. "Non riteniamo che sia più facile e conveniente mangiare in modo più sano", afferma. "Penso che potremmo spostare l'ago della bilancia su questo fronte, ma ci vuole uno sforzo sociale e un impegno comune da parte delle persone a dire: 'Questo è importante e vale la pena cambiarlo.'... E questo presumibilmente porterebbe non solo a una diminuzione del cancro, ma una diminuzione delle [altre] principali cause di morte”.


ARTICOLI CORRELATI